Debian: correzione automatica del file system con fsck e auto reboot

Postato in Debian | Linux | Guide
Attenzione! Questo contenuto è vecchioQuesto articolo risale al 2016, quindi i contenuti e le operazioni qui consigliate potrebbero essere diventate obsolete nel corso del tempo.

Su Debian capita che possano succedere dei problemi con il file system ext3 o ext4, specialmente se state lavorando su un server che viene usato principalmente per lo storage di file / backup di grosse dimensioni, e specialmente se esiste più di un processo simultaneo che scrive e/o rimuove questi file di grosse dimensioni.

Quindi, per ovviare al problema, consiglio di impostare il controllo automatico del file system durante il boot con il modulo fsck ( che è l'alter-ego del vetusto chkdisk su Windows ) in modo che l'hard disk di sistema non risulti ancora montato, e in aggiunta un cron per il reboot automatico giornaliero per fare in modo che questo controllo venga effettuato giornalmente.

Ovviamente, il riavvio automatico giornaliero non è ottimale ed è da tralasciare nel caso in cui stiate facendo girare un webserver o un server mysql, in quanto non vi permetterebbe di avere abbastanza storicità nell'utilizzo di mysql per effettuare delle migliorie nelle performance ( ad esempio con mysqltuner )

Ecco come attivare il fsck automatico ( guida basata su Debian ):

sudo nano /etc/default/rcS
# be more verbose during the boot process
VERBOSE=yes
# automatically repair filesystems with inconsistencies during boot
FSCKFIX=yes

Poi, attivate il logging dei messaggi di boot per avere più controllo sulle operazioni effettuate durante il boot:

sudo apt-get install bootlogd sudo nano /etc/default/bootlogd

Nel file /etc/default/bootlogd inserite questa riga:

BOOTLOGD_ENABLE=yes

Infine, attivate l'auto-reboot giornaliero con una riga nel crontab. Consiglio di effettuare questa operazione sempre con sudo o con i permessi di root.

sudo crontab -e
# REBOOT GIORNALIERO AUTOMATICO ALLE 4 DEL MATTINO
0 4 * * * /sbin/shutdown -r now

Avete finito. Per fare una prova, date il comando

shutdown -r now

E, una volta completato l'avvio, controllate il file di log su /var/log/boot.

Buon lavoro!